Gli sforzi anticontraffazione continuano ad evolversi nel settore dell'elettronica

Da: SiliconExpert il 28 febbraio 2019

Nessuna pallottola d'argento per la contraffazione elettronica - YetGuestBlog di Barb Jorgensen, EPSNews

L'industria elettronica ha sviluppato alcune delle tecnologie più innovative della storia umana. Tuttavia, le migliori menti dell'high-tech non sono state in grado di superare una delle sfide più insidiose del settore: l'elettronica contraffatta.

In un certo senso, i progressi tecnologici hanno solo aggravato il problema: i componenti elettronici possono ora essere clonati così bene da non poter essere distinti dall'articolo originale. Ma la contraffazione non è solo un problema tecnologico: anche le pratiche di approvvigionamento e di catena di fornitura contribuiscono alla proliferazione dei dispositivi falsi.

Al momento non esiste una soluzione definitiva per i prodotti elettronici contraffatti.

I componenti non autentici, nella maggior parte dei casi, sono dispositivi o parti riciclate di qualità inferiore che sono state modificate per apparire come qualcosa che non sono. I contraffattori prendono di mira soprattutto componenti di alto valore, molti dei quali destinati ai settori della difesa, aerospaziale, automobilistico e medico. Il distributore PRB Logics Corp., ad esempio, è stato accusato dal governo degli Stati Uniti per la vendita di circuiti integrati contraffatti destinati ad applicazioni militari. Questa è la pista più redditizia per i criminali.

Tuttavia, le pratiche della catena di fornitura contribuiscono alla circolazione di pezzi falsi. I produttori di componenti originali (OCM) cercano di limitare la loro distribuzione ai rivenditori autorizzati che sono sottoposti a controlli di qualità rigorosi. I distributori acquistano direttamente dalle fabbriche OCM, rintracciano i dispositivi tramite numeri di parte, codici data o altri identificatori e passano attraverso le garanzie OCM. I canali autorizzati equivalgono ad acquistare direttamente da OCM.

Le associazioni di settore e le organizzazioni di standardizzazione hanno contribuito in modo significativo alle pratiche di approvvigionamento corretto. I distributori commerciali utilizzano lo standard SAE Aerospace 6496per individuare componenti fraudolenti e contraffatti. Le regole di approvvigionamento del Dipartimento della Difesa, sotto l'egida del National Defense Authorization Act(NDAA e DFARS), sono ampie e complete.

Tuttavia, a causa di previsioni imperfette, nella catena di fornitura ci sono sempre componenti elettronici inutilizzati. Se i clienti non sono in grado di restituire le scorte, possono vendere i componenti sul mercato libero. Molti di questi dispositivi vengono acquistati da distributori che non sono autorizzati dai proprietari dei marchi e non sono tenuti ad aderire alle pratiche di controllo della qualità stabilite.

Sebbene molti distributori non autorizzati si sforzino di vendere prodotti autentici, gli intermediari meno scrupolosi trafficano in contraffazioni o mescolano parti difettose con dispositivi originali.

Esistono pratiche incoerenti per identificare ed eliminare i componenti sospetti all'interno della catena di fornitura dell'elettronica. Il NDAA e il DFARS si applicano a tutte le fonti di componenti, ma sono in gran parte autogestiti. In altre agenzie, come la NASA, non esistono sistemi centralizzati per l'identificazione e la condivisione di informazioni su componenti o fornitori sospetti.

I produttori commerciali sono incoraggiati a segnalare le contraffazioni a organizzazioni come il Government Industry Data Exchange Program (GIDEP). Poiché il GIDEP richiede una trasparenza totale - le parti che effettuano le segnalazioni e i proprietari dei marchi devono essere identificati - le aziende temono che la loro reputazione venga macchiata. Pertanto, alcune aziende si limitano a gestire autonomamente le notifiche di contraffazione.

L'ERAI, un'organizzazione che monitora, indaga e segnala le questioni che riguardano la catena di fornitura dell'elettronica, mantiene la riservatezza delle organizzazioni che segnalano dispositivi sospetti. Se l'autenticità dei componenti è contestata, l'ERAI organizza dei test sui componenti. Tuttavia, non esistono accordi formali di condivisione delle informazioni tra l'ERAI, il GIDEP e altri centri di lotta alla contraffazione.

Le soluzioni anticontraffazione si sono ultimamente concentrate sulla tracciabilità dei componenti. La catena di fornitura autorizzata promuove l'acquisto e la vendita solo attraverso distributori in franchising in grado di fornire la provenienza di qualsiasi componente. Ma la tracciabilità di un componente dalla fabbrica per tutto il suo ciclo di vita è problematica. L'RFID e dispositivi come i microtag sono stati indicati come possibili soluzioni. Altri sforzi includono:

Applied DNA Sciences, Inc. ha sviluppato un DNA di origine vegetale che può essere utilizzato a scopo di tracciamento.Lo sviluppatore di soluzioni Battelle offre un'autenticazione rapida e non distruttiva dei componenti elettronici, che consente di separare i componenti clonati o contraffatti da quelli autentici a un costo inferiore rispetto ai metodi alternativi.Optimal+ fornisce soluzioni software per la raccolta, la pulizia e l'aggregazione dei dati provenienti da più sedi di produzione di chip. I dirigenti dell'azienda prevedono di applicare i dati per creare identificatori unici per i componenti. Questi dati possono poi essere utilizzati a scopo di verifica.

È improbabile che venga adottata un'unica soluzione in tutto il settore dell'elettronica. I mercati finali hanno tolleranze diverse per il rischio. Il settore dell'elettronica di consumo ha avuto la sua parte di storie horror, ma i mercati automobilistico, medico, militare e aerospaziale hanno tolleranza zero per i componenti difettosi. I segmenti industriali cercano soluzioni che soddisfino al meglio le loro esigenze.

Allo stesso tempo, l'ampiezza dei sistemi e degli strumenti anticontraffazione è ampia. L'informazione rimane un mezzo potente per contrastare gli sforzi dei criminali. SiliconExpert che fornisce una serie di strumenti e servizi per migliorare la sicurezza della catena di fornitura e dei componenti. Non perdetevi gli approfondimenti sul mercato: Counterfeit Risk & Mitigation Thought Leader Panel Discussion che si terrà giovedì 31 gennaio alle ore 10.00 (ora della montagna). La registrazione gratuita è disponibile su https://www.gotostage.com/channel/9a2fa1579a37481caed92057d1fc3b67/recording/4914939cfc464cfdbd0a48f94f63e09c/watch?source=CHANNEL

3